Spitfire Mk 24 - 1/72 - Admiral. Costruzione in atto ...

modificato March 2011 in L' Hangar (WIP)




Da un po' di tempo si sentiva parlare dell'interesse per le ultime versioni dello Spitfire da parte del "Consorzio ceco CMK/MPM", conferme erano arrivate già qualche anno fa in cataloghi ufficiali e liste news. Xtrakit aveva annunciato tre differenti scatole, estrapolabili sempre dalle ultime versioni, modelli in collaborazione sempre con il "Consorzio", in rete erano comparsi dei master ... tutti in sostanza attendevano un kit MPM e invece ad arrivare prima, del tutto a sorpresa, è stata la ceca Admiral, marchio risorto dopo un solo kit prodotto ( un Fw190 A4 in 1/72 ) e qualche anno di totale oblio. La vitalità del marchio AZ/Legato ha riportato in vita questa firma proprio con una serie di ultime versioni dello Spitfire/Seafire.


Delle scatole uscite da Admiral, nelle versioni Seafire Mk46, Spitfire Mk 22 e Spitfire Mk 24, ho preso quest'ultima, anche se è possibile realizzare tutte e tre le versioni essendo la stampata unica per tutte e tre le scatole.


In questo stesso periodo è uscito anche il kit Xtrakit dedicato allo Spitfire Mk 22 ( una scatola dedicata allo Spitfire Mk 24 dovrebbe uscire invece sotto uno dei marchio della CMK/MPM prossimamente ) e così approfittando della recensione di questo kit comparsa su Hypercale ho pensato potesse essere utile un primo confronto diretto. 


http://www.hyperscale.com/2011/reviews/kits/xtrakit72014reviewbg_1.htm


Potete confrontare le immagini del kit Xtrakit con queste del modello Admiral:


























A domani con la seconda parte delle immagini. Si è fatto tardi, buonanotte.



Aloa
|-)
|-)
|-)



Commenti

  • modificato March 2011
    Buongiorno !



    Ecco la seconda parte "comparativa" ...
    :-D























    e infine il foglietto decals con "correction"









    e con questa la comparatio è finita.
    :-9


    Anche non avendo in mano il kit Xtrakit ( MPM ) un'idea si riesce a farsela.

    Quest'ultimo mi sembra più pulito nelle stampate e anche più preciso nel dettaglio, ovvero pannellature e singole parti sono più nitide, precise come riproduzione, quando invece l'Admiral è talora un po' più flou o sembra avere alcune pannellature leggermente più pesanti rispetto ad altre , si vedano i pannelli circolari di ispezione sotto il pannello delle munizioni sull'ala ad esempio.

    L'Admiral è poi più semplice come scomposizione, non fornendo il pannello di accesso del cockpit aperto, avendo solo un singolo pezzo per i trasparenti, per altro non così nitido, ecc...

    Anche nell'accuratezza del dettaglio e nella ricchezza e completezza di questo il kit MPM sembra superiore ...

    l'Admiral in ogni caso sembra una base di partenza ... come dire ... "simpatica" ... come quando una vostra amica vuole presentarvi qualcuna che non può essere esattamente descritta come una top model. In sostanza, questo Admiral è "un tipo"  
    :-D

    Dato che sicuramente all'uscita dell'MK 24 MPM non saprò resistere e ritenendolo già qualitativamente superiore , volendo evitare di far finire l'acquisto Admiral nella personale pila dei kit precocemente invecchiati e che non vale la pena montare, essendoci alternative più valide a disposizione , mi sono detto: perchè non iniziarlo subito questo Admiral, tanto per farsi un po' di allenamento ... e così via di cutter e lima per pulire i pezzi.

    Riuscirà il nostro eroe ad arrivare in fondo ?

    é quello che vedremo su queste pagine ...
    :-9
    Aloa
  • modificato March 2011
    Un paio di link per visionare altre immagini, pure in costruzione, dei soggetti di cui sopra:
    http://www.britmodeller.com/forums/index.php?showtopic=58265
    http://www.modelforum.cz/viewtopic.php?f=57&t=51776&st=0&sk=t&sd=a
    Aloa

  • Ma è un'impressione solo mia o la parte inferiore della cofanatura motore non è slanciata come dovrebbe ? Mi sembra un po' tozza vista così, ma magari è solo un effetto delle foto.
    Tu che ne dici ?
  • in realtà il problema non è la parte inferiore, ma quella superiore.
    A seconda dei disegni che si consultano la parte inferiore è corretta o leggermente bombata e da affinare, ma non è sicuramente dalle immagini che si avverte, visto l'eccesso eventuale da limare.
     Sono scansioni per cui fra  luci e ombre e limiti del sistema utilizzato è possibile che l'impressione sia molto diversa, vedi le differenze fra l'immagine della semifusoliera destra, prima foto, e quella sinistra, seconda, dove l'ultima appare molto più slanciata e corretta.
    Dal confronto con i disegni, a volte di disegnatori diversi sebbene della stesso libro, la parte superiore della cofanatura scende meno rapidamente di quanto dovrebbe, tanto che alla fine non je a fa, e così finisce o che l'ogiva è leggermente più larga alla base o che la linea superiore è troppo piatta e sarebbe da rialzare però in questo caso il tutto. Considerando tutto, la presenza dell'MPM, e il fatto che la cosa si avverte appena, una di quelle operazioni che trascurerei del tutto. Possibile che a fregarli sia stato il presentare la cofanatura con le bugne sopra gli scarichi già parte delle semigusoliere ...
    Aloa

  • modificato March 2011




    Il kit si compone di una stampata in plastica grigia, per altro comune a tutte e tre le confezioni commercializzate ( Mk22,24,SeafireMk46 ) con 68 parti , un piccolo foglio fotoinciso con 5 parti, un tettuccio in plastica trasparente. Foglio decals, anzi,  due fogli decals, uno con la corretta colorazione dei codici.

    Due gli esemplari realizzabili.



    Delle 68  parti in plastica si scartano i braccetti antitorsione dei carrelli che per la qualità della riproduzione sono assolutamente inutilizzabili, in ogni caso le parti fotoincise forniscono il necessario ricambio, e quei pezzi che in realtà servono a realizzare un Seafire Mk 46, sostanzialmente la parte del timone di coda con il gancio di arresto e l'ogiva e le pale anteriori dell'elica controrotante.

    Questi pezzi avevo pensato potessero tornare utili per un progetto di Seafire Mk 47 ( base Ventura, ora Jay ), ma vedo che l'ogiva è assolutamente errata per le sue dimensioni, mentre per le pale dell'elica farò un pensierino, non sembrano male.





    in sostanza le parti in plastica effettive della versione della scatola si riducono a 57.

    Si tratta sempre di un kit short run per cui è necessario pulire attentamente tutti i pezzi da bave e a volte concrezioni plastiche che si sono annidate in posti non sempre comodi , idem per i tondini degli estrattori.

    Fortinatamente la plastica è facilmente lavorabile.

    Aggiungo un po' di immagini che rendono l'idea dello stato effettivo delle plastiche prima della loro pulizia.

    E' direi d'obbligo la presenza di vari tipi di lame per cutter, direi pure di un trapanino con qualche fresa che facilita la pulizia delle parti.

    Se ci si spaventa per le bavette non prendente in considerazione questo kit, sarei tentato di affermare più in generale, non prendete in considerazione degli short run, per quanto buoni vi possano sembrare nelle loro pur belle stampate, anche più pulite di questo Admiral.
     

    ... ok, dato che l'uploading di photobucket non vuole funzionare riprovo più tardi a postare le immagini. Sorry  ~x(   

     
    Aloariprovasaraipiùfortunato


  • In attesa che le trasmissioni visive possano riprendere senza intoppi, alcune considerazioni sui costi.
    Ho trovato tre diversi prezzi per questo Admiral, tutti di negozi che fanno vendita via web:
    Noto negozio inglese - 19,51 €
    Noto negozio milanese - 15,80 €
    Noto negozio trentino -  16,20 €
    Per confronto, il kit Xtrakit, presso il noto negozio londinese che ne è pure il produttore associato, viene venduto a 14,20 €.
    Ognuno poi si faccia due conti con tutte le possibili considerazioni dovute.

    Aloa

    Prezzi del 22 febbraio 2011, casomai qualcuno leggesse ste cose fra cinque anni ! 
    :D
  • Beh, sembrerebbe la prima volta che costa meno in un negozio milanese rispetto agli altri posti !

    :-9

    Vero che non si possono paragonare i due prodotti, però il kit airfix in 48 l'ho pagato 20..  :D
  • sarà un errore meneghino ?

    Per ora dal sito , facendo l'opportuna aggiunta di IVA, risulta così ... miracolo o semplice errore di sbaglio ?

    Aloa :D
  • Vero anche che il noto negozio inglese ha forse i prezzi più alti di tutta Albione..

    :-9

    Comunque adesso so quanto costa fuori, se lo trovo dai polacchi sabato posso vedere subito se da loro conviene. Anche se la tentazione di aspettare è forte.. tutto sommato di 22/24 ho gia l'airfix in 48, potrei aspettare il 21 della MPM che invece mi manca come versione.
  • modificato March 2011
    ohhh, PB ha ripreso a funzionare... dunque dicevo, ecco alcune immagini del kit come esce dalla scatola





    bavette da eliminare nell'apertura del vano carrello e direi opportuno anche forare le aperture degli estrattori dei bossoli ... occhio alla bugna allungata dietro all'estrattore esterno che così è di forma completamente errata e da rifare , se siete dei cultori dello Spit sono cose che possono infastidire
    ;-)

    piacevole dettaglio del vano carrello

    internino con fiancatina dettagliata, anche se in maniera piuttosto soft, forse ancora accettabile realizzando il modello con il tettuccio chiuso del kit, ma se si apre ... uhmmm, ho proprio idea che non basti neppure un sapiente gioco di chiari scuri realizzato con pennello ... W&N naturalmente ...

    niente male il seggiolino
    e pure il cruscottino, una volta dipinto farà la sua figura ...

    cloche dignitosa ... assolutamente ...

    portelli del vano carrello  con depressione ...  come vedete le bavette da eliminare ci sono, così come  tondini di estrazione ... la plastica comunque si lavora molto bene e con semplicità ...

     ogiva, anzi, ogive ...


    scarichi ...

    flabelli dei radiatori separati, ma da pulire bene e affinare ...

     da sistemare pure l'interno dei radiatori e i bordi di uscita e entrata degli stessi ...
    vi siete fatti un po' l'idea spero di quello che è all'apertura uno short run, certo lontanissimi i tempi dei primi MPM, passi notevoli in avanti nella qualità della riproduzione, però del lavoro da fare nella pulizia e preparazione dei pezzi ce n'è sempre ...

    Aloacuttersempresottomano 
     
  • modificato March 2011
    Come documentazione , per non perdersi in dozzine di acquisti , chi non possegga nulla e volesse avere un volume dedicato, consiglio questo :


    La versione oggi in commercio è fornita pure di un foglio decals con buona parte degli esemplari disegnati nei profili del testo stesso.
    http://www.4pluspublications.com/index.php?lang=en&page=books&range=2#
    é comunque possibile trovare in commercio anche la versione senza foglio decals, che costa un po' meno .... attenzione in ogni caso a quello che ordinate se lo fate ad un eshop per corrispondenza, a seconda del titolo che volete, con o senza decals.
    Direi che questa pubblicazione ha quanto serve per dettagliare quanto basta il kit di un Mk24.

    Aloaunvolumechepuòservire 
  • modificato March 2011
    Una prima sgrezzata ai pezzi è stata data, eliminando il grosso delle bavette o delle imperfezioni. E' bastato un semplice cutter e un paio di limette ( per le parti come i vani carrello ).
    Un lavoro che per quanto un po' noioso è dopo tutto comune anche ai kit tradizionali, che la loro bavettina dello stampo positivo e negativo ce l'hanno sempre. Plastica soft che si lavora e pulisce bene, anche con la limetta nessun problema. Il colore grigio medio scuro della plastica è perfetto per porre in risalto eventuali punti da ritoccare ...

    Ho messo mano agli scarichi nel tentativo di migliorarli, tentativo che per ora non mi soddisfa pienamente ... tengo d'occhio gli scarichi Quick boost in resina, ammetto che sono tentato di utilizzare alla fine quelli, ma vedro alla fine il risultato su quelli originali
    la base di partenza non è effettivamente il massimo e non aiuta, però con pazienza.
    Ho forato con il trapanino e ora sto allargando un po' i vari fori in modo da ottenere per quanto possibile un buco che effettivamente si inscriva in maniera  omogenea nella sezione data dello scarico ... la dimensione aiuterà alla fine, dopo tutto se la foto mette in risalto certi problemi , si tratta di una macro e la realtà ad occhio nudo è più soddisfacente ...

    Aloascaricoinresinaononscaricoinresina?
     

  • Seguo con attenzione la tua comparazione del kit, visto che ho il seafire in arrivo :-)
    Tutto sommato non mi pare tanto male, certo l' MPM sembra essere un pò meno short run dell' Admiral e leggermente piu dettagliato qua e la.

    Con qualche resinina al posto giusto non dovrebbe sfigurare molto :-)
  • modificato February 2011
    Per il Seafire penso che il "problema" più grosso sia quello relativo all'ogiva. Quella fornita dal kit mi pare veramente tutta sballata, per dimensioni e per forma.
    Una volta montato e colorato non sfigurerà affatto vicino ad un MPM, kit che oltre ad un maggior dettaglio e miglior pulizia ( apparente, visto che per ora solo in video l'ho visto ), ha dalla sua la possibilità di montare aperto il tettuccio e il portello di accesso dell'abitacolo. Cade nell'elica che se viene fornita intera, semplificando il montaggio, ha le pale completamente sballate per forma e dimensione ( sulla forma le foto di Hyper sono indicative, sulle dimensioni vedasi cosa dice Redboost che ha montato il modello per nota rivistina inglese, modello il cui link si può recuperare facilmente in precedenti post e utilizzando i link dati sopra, R afferma che le pale sono più corte di 3mm rispetto a quello che dovrebbero essere nell'MPM Xtrakit ... i cechi nel far uscire i modelli sotto il loro marchio modificheranno queste cosette ? ).
    http://www.britmodeller.com/forums/index.php?showtopic=63373
    Comunque un 46 non ho idea se sia in previsione dai cechi di MPM, visto il numero bassissimo di esemplari costruiti e il sostanziale impiego operativo o presso reparti nullo.

    Aloa 
  • immagino che ai fini di procedere rapidi con questo kit mi pentirò della cosa, ma sai cosa importa se non si può resistere alla tentazione di mettersi alla prova e vedere se ri riesce a migliorare un po' quel particolare !

    :-D così ho deciso di assottigliare le pareti del vano carrello .
    Contrariamente all'ala classica, la nuova aveva vani dalla struttra scatolare, per cui i bordi del vano si vedevano benone ... potevo lasciarli così spessi ?
    image

    Per ora la cosa tiene e mi pare che il risultato si noti ... ho forato pure i buchi degli estrattori dei bossoli, operazione che mi pare abbia giovato al tutto ... si prende mano per eventuali modelli più fichi !

    Aloa
  • non  ho resistito ... realizzato il vano per le tre luci di posizione sotto la fusoliera ...

    image



    anche senza trapanino, solo forando con un semplice trapano si può fare, per chi non abbia un trapanino ... sai mai.

    e poi mi guardo e mi riguardo l'ogiva del kit, confrontandola con una che avanzo della Quickboost ...  uhmmm, ho idea che visto mi sto allungando il lavoro su altre cose, per l'ogiva me l'accorcio ...
    :-D ... il diametro della QB è per altro identico a quello del kit, per cui non ci dovrebbero essere problemi.image

     voi cosa dite ?

    Aloa


  • ... razzzzzzzzzzzzzzo.... non ho dello stucco da muro ... è grave ?

    Aloa
    :D
  • Grave si,  come farai a stuccare? 


    Questa sera salvo tutto nella cartella "how to build Spit" thanks Giò 




    :-D
  • modificato February 2011
    Mi sono finalmente arrivati il 22 Xtrakit e il Seafire  46 della Admiral :-)
    Beh, la differenza è ancora piu evidente avendo i kit sotto mano. Il 22 è decisamente un eccellente kit, quasi un non short-run...
    Le pannellature risultano essere molto piu fini e definite ed in generale il dettaglio è davvero buono!

    L'admiral è un gradino piu sotto, probabilmente si può ottenere ugualmente un buon modello, ma a scapito di un bel pò di lavoretti di dettaglio e rifinitura.

    Vai, Giò! Porta a termine il kittino! :-)
  • modificato February 2011
    la differenza penso si faccia ancora più sentire nelle parti piccole: scarichi, ruote, interni ...  non ho saputo resistere e mi sono ordinato pure io lo Xtrakit, per altro neppure così caro, anzi ... costa meno di questo Admiral ...



    quest'ultimo comunque inizia a piacermi di più, ora che lo sto lavorando un po'.


    Forato scarichi bossoli, assottigliato e pulito bordi vano carrello, scavato le luci di posizione, ora passo a sostituire le bugne dietro agli estrattori del bossolo, a sinistra ho già eliminato quella errata, a destra non ancora ... incollato gli interni del vano per la parte dell'alloggiamento della gamba ... vanno.Emoticons


    Ci sono da rifinire alcune cosette ... ma mi serve il Magic ... aspetto domani.


    image


    con una di quelle lamette/seghetto fotoinciso ( quella è Hauler ) ho accentuato, ovvero segato, le parti verticali degli alettoni, per aumentare il realismo ... chissà se poi si vedrà a modello ultimato sta cosa ...


    Aloatuttosommatomepiaceperchèmidiverte





    PS: Albert, visto che li hai in mano tutti e due potresti fare un paio di scatti con i pezzi a confronto, face to face ...
    ;-)... in somma: Fa qualcosa !
    :-D



  • Vedo di produrre qualcosa il prima possibile! :-)

    Tu vai avanti! :-P
  • sono al bivio ... portellino aperto e tettuccio aperto o portellicno chiuso e tettuccio idem ?



     con un gran mazzone di margheritone mi avvicino al tavolo di lavoro ...  :-9 ... quello che il kit fornisce basta se si tiene tutto chiuso, ovvero come la scatola indirizzerebbe ... ma perchè limitare il proprio divertimento ... perchè ?

    Aprire significa invece metterci le mani ... senza esagerare perchè comunque varie parti del kit possono essere utilizzate, ma diverse vanno arricchite o modificate.

    La cloche va bene qualora si faccia un Mk22 e un Mk46, ma per un Mk24 è da modificare, sia nell'impugnatura che nella ricchezza di dettaglio, da semplificare ...

    ----- e ora tutte ste margherite dove le metto ? Petali ovunque ...
    :-D Aloa




      
  • Spazzati via i petali ... i pezzi che compongono l'interno in via di modifica.
    image

    taglio del portellino con lama/seghetto fotoincisa. Questa permette di perdere uno spessore pari all'incisione che delinea il disegno stesso del portello sul modello, praticamente meno di mezzo millimetro, la lama denuncia 0,35 ... crediamoci.
    Sto eliminando anche una parte della strumentazione delle fiancatine, troppo febile il rilievo. Sarà sostituita con qualche cosa di più corposo autocostruito ... l'ombra del rilievo insufficente farà da riferimento per dimensioni e posizione delle nuove parti ... previa verifica della correttezza della posizione ovviamente.Ho forato un po' di centine ...
    image
    lavoro di modifica anche sul seggiolino, come riferimento un ottimo AIRES ... il lavoro sul pezzo originale lo porterò comunque a termine, anche se probabile finirà con l'utilizzare il pezzo in resina ... ma per farsi le ossa e dato che mi diverte comunque proseguo con l'Admiral.
    Iniziato pure a modificare la cloche, eliminando il tubicino in eccesso ... non modificatela se realizzate un Mk 22, per quella versione la cloche non è male, anzi, va bene da scatola ...

    Aloanonsimolla
  • image
    ho recuperato delle resine di un precedente progetto lasciato incompiuto.
    Così lavorandolo un po', ovvero togliendo i vari dettagli che non servivano in questo caso, ho ricavato un pavimento per l'abitacolo, incidendo poi gli scassi per le parti fornite dal kit.
    Il cruscotto pensavo di colorarlo, senza ricorrere a fotoincisioni ... tanto mi pare che alla fine, anche solo colorato, renda abbastanza ... esempio di un MkV ... che dite, non va bene comunque ?

    Aloaabitacoloinavanzatostatodidecomposizione

  • nel voler marcare maggiormente le differenze fra superfici mobili e non mi sono involontariamente imbattuto in una "strana" differenza del kit.
    image
    seguire le linee date funziona per il sinistro, ma il destro  ... sorpresa, le incisioni sono posizionate non allineate ... per cui attenzione a dove segate ... doveste decidere di separare la parte mobile, non fidatevi delle incisioni di riscontro ... controllarle prima
    Aloaorametoccarifà
  • imagealtra modifica da fare, anzi, in realtà sono più di una ... ma ritengo indispensabile solo la prima ...

    la linea della parte mobile del timone non è dritta come come rappresentata sul kit, ma ad un certo punto si spezza riportandosi perpendicolare alla parte fissa verticale del timone ... va stuccato e reincisa opportunamente.

    Volendo si può pure modificare l'incisione del rinforzo proprio sotto ... e magari, dato che ci siamo allungare pure la carenatura dell'attuatore del trim di coda ... anche aggiungere la lucetta sul timone, ma questa è già una quarta cosa ... e si può fare più avanti ... più si procede più ci si inguaia ...

    ;-)
  • image

    a me capita sempre ... non riesco a fare solo una cosa ... anzi, se ne iniziano sempre tante, troppe ... se ne finiscono poi di queste poche, troppe ... così , mentre aspetto che lo stucco si asciughi sul timone per bene pasticcio un po' con un P40 HobbyBoss ... utilissimo per prendere confindenza e fare pratica con le frese e il trapanino e tanti altri strumenti, per darsi al carving plastico ... ho modificato il vano carrello, eliminando l'irrealistico dettaglio e dando maggior profondità vano ruote ... questo con una fresa troncoconica rovesciata ... poi con due frese diamantate a palla ho dato un effetto tela alle superfici del vano, visto che c'era un cappuccio in tela che proteggeva il vano stesso sui P 40 operativi. Protezione per impedire a sabbia e detriti di accumularsi dentro il vano, altrimenti aperto ...

    Una passata di colla liquida per levigare un po' il tutto. Effetto forse troppo calcato, considerando che è un 72, ma comunque ci facciamo un po' la mano ... poi ho praticato sulla carenatura centrale una fessura, presente sui P 40 veri, eliminato i portelli dell'alloggiamento della gamba, troppo semplificati ...ma è meglio ora mettere via il tutto o si perde poi la spinta per lo Spit ... il lasciarsi prendere da altre cose è deleterio ai fini di concludere un modello in velocità, ma io non resisto ... proprio è una tentazione questa che non riesco a dominare !
    :-D

    Aloa
  • Ciao Giò!

    Se sei ancora in tempo, dai una controllatina al seggiolino con queste misure qui

    http://forum.largescaleplanes.com/index.php?showtopic=33687&view=findpost&p=310347

    Gli Aires in 48 non sono proprio il massimo come forma, non vorrei mai che anche quelli in 72....mi hai capito vero? :-)

    Continua cosi, che vai bene! :-) :-) :-)
  • considerando la scala, l'errore del 72  Aires è assolutamente accettabile ( è troppo largo di meno di mezzo mm, misura che non vado a modificare per questo kit, forse pure per altri, considerando dove infiliamo il tutto ... ) anche perchè le proporzioni laterali, che sono poi quelle che maggiormente mi interessano anche a portello aperto mi paiono le più corrette fra quanto disponibile. Lo stesso dicasi per il dettaglio.

    Se andassimo a modificare queste misure temo che dovremmo poi andare a metterci le mani nei capelli per quanto riguarda gli spessori delle pareti dell'abitacolo ... meglio simulare, visto che la struttura dell'aereo gioca a nostro favore in questo caso 
    ;-)
    AloailseggiolinoAiresèancorailmigliorcompromesso
  • A me sembra che l'interno stia venendo molto bene ! Poi lo spazio in uno spit in 72 è talmente poco che certi dettagli scompaiono quasi dentro !
    Concordo sul seggiolino: alla fine meglio un mezzo millimetro più stretto, tanto con lo spessore delle pareti che paragonato alla realtà diventa un millimetro più largo su entrambi i lati, la cosa non stona minimamente !
  • da non fare ...

    con l'idea di rendere più realistico l'interno, ho tentato di modificare la fiancata più visibile, quella destra, pensando per altro che lo spessore della plastica potesse aiutare.

    Seghetto ultrafine e lametta ... ma il risultato non è stato quello che si pensava all'inizio, e poi ho danneggiato pure il raccordo carman nella parte esterna ... la plastica non era poi così spessa !

    image

    Per altro pure la curvatura corretta o simile a quella corretta non è che sia venuta come volevo.

    Pazienza ... il mio consiglio è lasciare tutto com'è, anche perchè è una parte assolutamente nascosta a lavoro finito ... fattore questo che mi ha pure permesso di tentare senza troppi patermi l'avventura ... ma sconsiglio la cosa ... non la rifarei.

    Aloaiconsiglidaamicomodellista!

    ;-)
  • modificato March 2011
    non si poteva lasciare il dettaglio solo come da scatola ... non era assolutamente possibile ...



    sarà un casino quando, presto, toccherà mettere un po' di fili  e qualche levetta ... il grosso della strumentazione lo considero come finito o quasi ...
    ;-) image



    ecco perchè io amo incondizionatamente il Magic Sculp, è l'unico stucco che mi permette di fare simili stuccature praticamente senza poi dover carteggiare o rifinire, con il rischio di perdere dettaglio o fare danni ... e durante la lavorazione non forma la cremetta annebbiante del milliput che  copre il lavoro non permettendoti di vedere cosa succede ... I LOVE MAGIC ! 
    image
    :x Aloa
  • modificato March 2011
    ecco perchè AZ non è troppo amata dagli stessi cechi.

    Quando i pezzi stanno sulle loro stampatine o li si prende, una volta puliti, singolarmente, sono pure accattivanti, è quando inizi a doverli far stare insieme che iniziano i casini

    Fortuna che per ora le cose incasinate accadono in dettagli che poi rimangono nascosti ...

    i due alloggiamente delle gamge del carrello, inspiegabilmente lo spessore della plastica nei due pezzi è completamente diverso ... pensavo potessere anche questo a dare problemi di giunzione delle semiali, problemi rilevati nelle prove a secco ... ma invece era proprio il vano della ruota a dover essere limato per benone ... tutto sommato il problema minore ...image



    infatti, il casino è dato dal fatto che la scatola del vano a sinistra è diversa rispetto a quella destra.

    Se si monta tutto seguendo le istruzioni gli spazi fra bordo del vano e pareti interne risultano diversi , in alcuni caso anche a filo ... è così necessario procedere ad occhio per equilibrare quanto più possibile il tutto ... oppure si rifà il vano in toto ... opzione che mi risparmio questa volta ... anche perchè sto aspettando il kit Xtrakit ...

    image



    il problema del resto era accentuato pure dalla scelta fatta di assottigliare i bordi del vano ... a volte certe idee meglio non farsele venire
    :-DAloavanosbilenco


    PS: chiaramente se le scatole del vano sono diverse fra loro significa che pure il dettaglio dell'interno del vano non è simmetricamente riprodotto ... ma anche qua, o si rifà tutto o si fa finta di niente perchè tanto è un dettaglio che sta sotto l'ala, all'interno di un pozzetto ... fischiettando si procede ...
     

  • Mah, a vedere come prosegue questo WIP mi convinco sempre più che sia meglio aspettare l'MPM....
    I problemi che stai trovando sono stupidate, ci mancherebbe... ma quando si accumulano le stupidate una dopo l'altra la voglia comincia a passare...
  • In parte i problemi me li sto andando a cercare: apertura tettuccio e abitacolo, assottigliamento dei bordi del vano carrello.
    In parte sono problemi da short run. Un passo avanti rispetto agli short run di una volta, se esistessero solo questo e il Ventura ora Jay, questo AZ sarebbe comunque una base di partenza molto più avanti, non c'è dubbio ... o anche paragonato alla primissima produzione MPM .... vedi gli Spit XVIII e XIX , ma ho il sospetto che lo Xtrakit Special Hobby sia meglio, ancora un passo avanti rispetto a questo AZ, proprio su questi aspetti di dettaglio.
    Questo AZ andrebbe montato da scatola, a quel punto credo che avrei già la cellula completa, ma per me sarebbe meno divertente ... è anche da dire che il recente Airfix griffonato , che certo non è short run, presenterebbe, a volerlo dettagliare e aprirci l'abitacolo, le stesse problematiche, salvo i riscontri con pernetti e un miglior fit delle parti, alla fine siamo sullo stesso livello.
    Ma è pure il divertente del modellismo in 72 ... Aloa
  • temevo che le ruote sarei stato costretto a sostituirle. Sono in due parti e il primo effetto incollando le due metà non era stato dei migliori, invece poi lavorandoci solo con colla e cartavetro il risultato non è male.

    Senza essere superattrezzati con gli ultimi ritrovati della tecnica !

    http://www.cybermodeler.com/hobby/tools/cb/tool_cb_wheel.shtml

    ritrovato probabilmente più utile per scale maggiori o ruote dalle dimensioni maggiori

    Aloacoppppppppppppppertoni

  • modificato March 2011
    questi short run spesso danno i problemi più rognosi nel fit sommario dei dettagli e delle parti piccole o minori, che sono poi quei dettagli che a tentare di metterci una pezza alla fine ci impieghi magari di più che a fare un modello intero ... ma sono pure quelle parti che rischiano se mal rese di rovinarti un kit ...

     

    oltre alle ruote, uno di questi pezzi piuttosto rognosi nel kit era senza dubbio il filtro del carburatore, scomposto in due parti longitudinalmente, fit piuttosto scadente e rischio elevato che alla fine si potesse vedere sulla presa d'aria la fessurina della divisione delle parti ... shiuuuuuuuu, alla fine grazie al magic e all'elbowgrease pare sia venuto tutto ok, ...

    ... Aloa

     

  • dopo settimane che l'avevo mollato per divertirmi con altro ho ripreso la costruzione, anzi, in questo caso la colorazione del cruscottino ... quello della scatola, solo pulito  ...

    colori usati: fondo nero cruscotto Tamiya nero opaco sporcato con altro Tamiya più chiaro, mi pare il desert yellow, di solito non uso mai il nero se non prima d'averlo sporcato con una tinta più chiara che lo schiarisca un po' e faccia virare il colore verso altro da nero !

    Aircraft colors, british grey green, che mi pare ottimo per rendere il verdino inglese, peccato che il marchio sia fallito ...

    Tutto il resto Vallejo model color che sono ottimi per i dettagli piccoli ...

    dentro lo strumentino ho calato poi una goccia di lucido Vallejo trasparente, per simulare il vetro, cosa che mi ha creato un problemino poi risolto ... tutto considerato mi pare una resa efficace per un 72. Non servono fotoincisioni o similia ... quanto la scatola fornisce va benone ...aloa

  • le ruote ultimate ( manca un po' di invecchiamento del pneumatico in realtà, cosa che farà proprio alla fine, definita la basetta ).

    al vero, senza macro, il contrasto fra le razze e le depressioni del cerchione è più marcato, forse troppo, ma ritenevo di dover fare qualche cosa, considerando la scala, la scarsa profondità delle repressioni di alleggerimento e l'effetto da rendere ... 

    Tamiya sporcato di sabbia per il pneumatico, rifiniture dello stesso da sbavature argento in Nero opaco andrea schiarito con Buff Vallejo model color, praticamente quasi indistinguibile dal fondo aerografato.

    Cerchioni in Silver 11 Humbrol ( anche troppo brillante, sarebbe stato meglio spegnerne la brillantezza, ma penso che ci penserò con una mano di opaco finale ), effetti chiaroscuro invece ottenuti con Vallejo model color Plata, nero opaco, marron, buff, blu prussia ...tutto sto casino per due rode ! ; )

    Aloa

Accedi oppure Registrati per commentare.